Reserved Area
top1.jpg

Come sostenerci

Home page

Crescita staturo-ponderale
Martedì, 14 Gennaio 2014 16:35

Già in epoca prenatale è frequente un ritardo di crescita. I parametri auxologici neonatali (peso, lunghezza e circonferenza cranica alla nascita) sono spesso al di sotto dei limiti di norma e mediamente più bassi rispetto alla media della popolazione generale.

Il ritardo di accrescimento si mantiene anche in epoca postnatale. La crescita staturo-ponderale ridotta rispetto alla popolazione generale è determinata sia dalla caratteristica genetica di base sia dalle frequenti difficoltà di suzione e di deglutizione osservabili in molti bambini nei primi mesi di vita. Sebbene queste difficoltà siano transitorie e la maggior parte dei bambini nelle età successive acquisiscano la capacità di alimentarsi regolarmente per via orale, per alcuni bambini può essere necessario, soprattutto nei primi anni di vita, l'utilizzo di modalità di alimentazione alternative


(nutrizione enterale tramite sondino naso-gastrico o tramite gastrostomia). Non sono stati dimostrati ad oggi deficit ormonali alla base del difetto di crescita nella popolazione CdlS.

In età adolescenziale, invece,  si può verificare un significativo incremento del peso fino ad una vera e propria obesità.
La circonferenza cranica (CC) presenta valori al di sotto dei valori di normalità (microcefalia).

Dal 1993 sono disponibili curve di crescita specifiche per peso, altezza e CC per i soggetti affetti da CdLS che rappresentano uno strumento essenziale per seguire in modo adeguato l'accrescimento di questi bambini.

Visualizza le curve di crescita nella sezione dedicata

 

  Seguici su facebook   Info Privacy e Cookie